WHO’S WHO IN THE INTERNATIONAL SCIENCE AND COMMONSENSE ASSOCIATION

Some updated information about people who joined ISCA (Alphabetic Order)


________________________________________________

EVANDRO AGAZZI

Chairman of the Board of Advisors of ISCA

Professor Agazzi lecturing at ISCA’s Meeting in Rapallo (Italy) on July 2012

An article published in Italian on September, 2012 speaks about Agazzi’s theory of truth in science:

http://www.ilsussidiario.net/News/Scienze/2012/10/1/FILOSOFIA-DELLA-SCIENZA-Agazzi-la-ragione-cerca-e-trova-spiegazioni-e-significati/324698/

 

________________________________________________

MATTEO ANDOLFO

Matteo Andolfo

Matteo Andolfo (Milano, 1971) ha conseguito la Laurea e il Dottorato di ricerca in Filosofia all’Università Cattolica di Milano, specializzandosi nell’atomismo e soprattutto nella metafisica del neoplatonismo pagano e cristiano (sia latino medievale e rinascimentale sia greco-bizantino) e nei suoi influssi sulla filosofia occidentale moderna e contemporanea e sul pensiero cristiano ortodosso russo dell’Ottocento. A tal fine in prospettiva teoretica ha coltivato approfonditamente la sistematica teologica, la storia della mistica e soprattutto la teologia anagogica. Successivamente si è specializzato nella metafisica del neoplatonismo orientale (giudaico e islamico) nel quadro più ampio dello studio dei rapporti tra il pensiero occidentale e quello dell’Oriente antico (dal III millennio a.C.): le religioni dell’Egitto, della Mesopotamia, dell’Iran (mazdeismo), il giudaismo del Secondo Tempio e in particolare il platonismo di Filone di Alessandria, l’ermetismo, lo gnosticismo, il manicheismo, la patrologia siriaca e copta e la filosofia indiana. Ha accompagnato tale specializzazione con lo studio delle lingue connesse alle culture orientali suddette (egiziano, copto, sumerico, babilonese, ittita, aramaico, siriaco, ebraico, arabo, sanscrito, lingue iraniche) e delle relative scritture (a cominciare dal geroglifico e dal cuneiforme). Oltre all’attività didattica e di ricerca in ambito accademico e in centri di ricerca extra-universitari e agli interventi a seminari e a conferenze, è autore di numerosi articoli che spaziano in tutto l’ambito della sua duplice formazione filosofico-teologica e orientalistica, pubblicati sulla Rivista di Filosofia neo-scolastica e sul mensile Studi cattolici, con cui attualmente collabora. In particolare, nella collana «Temi metafisici e problemi del pensiero antico. Studi e testi» di Vita e Pensiero, curata dal Centro di Ricerche di Metafisica dell’Università Cattolica di Milano, ha pubblicato le seguenti monografie: L’ipostasi della “Psyche” in Plotino. Struttura e fondamenti (1996) e Plotino. Struttura e fondamenti dell’ipostasi del «Nous» (2002), ambedue con introduzione di Giovanni Reale. Per la stessa collana ha curato nel 1998 la traduzione italiana del corposo volume di Julia Annas, La morale della felicità in Aristotele e nei filosofi dell’età ellenistica. Per Rusconi nel 1999 ha curato la traduzione, con testo greco a fronte, accompagnata da saggio introduttivo, note, parole-chiave e appendice bibliografica, degli Atomisti antichi, Testimonianze e frammenti secondo la raccolta di H. Diels e W. Kranz, di cui è stata edita una seconda edizione per Bompiani nel 2001. Nel 2003 ha pubblicato il saggio critico “Logos” e linguaggio in Democrito e in Plotino: la parola tra Oriente e Occidente, in M. Fattal (ed.), “Logos” et langage chez Plotin et avant Plotin, L’Harmattan, Paris, pp. 149-160, in cui analizza l’apporto dell’ontologia sottesa alla concezione egizia e mesopotamica della parola scritta all’ontologia e alla gnoseologia democritea e all’intellezione noetica delle Idee che Plotino paragona alla visione istantanea e unitotale dei geroglifici. Nel 2008 ha pubblicato L’Uno e il Tutto. La sapienza egizia presso i Greci, presentazione di M. Fattal, Edizioni Ares, Milano, uno studio sulla visione metafisica soggiacente alla teologia solare egizia di età faraonica e tolemaica e sull’influsso di questa sulla filosofia greca (dallo stoicismo al medioplatonismo e al neopitagorismo, da Filone di Alessandria agli Oracoli caldaici, all’ermetismo e allo gnosticismo) e sul neoplatonismo, analizzando il De Mysteriis Aegyptiorum, Chaldaeorum, Assyriorum di Giamblico e le opere teurgiche di Proclo. Per la collana “I Talenti” delle Edizioni Studio Domenicano di Bologna ha curato la traduzione, con testo greco a fronte, con introduzione, note, commento filosofico-teologico e bibliografia di Dionigi l’Areopagita, La mistica teologia e Epistole I-V, nel 2011, e di Giovanni Damasceno, Esposizione della fede (De fide orthodoxa), nel 2013. Nel 2015 ha pubblicato il saggio Questioni di metodo in teologia: la tesi di Antonio Livi, in F. Renzi (ed.), Le premesse razionali della fede e il metodo in teologia, «Sensus Communis. International Yearbook for Studies on Alethic Logic».


________________________________________________

FRANCESCO ARZILLO

Board of Research Area Director of ISCA

(Philosophy of Law)

Il dottor Francesco Arzillo, magistrato del TAR del Lazio, dopo la pubblicazione di un’interessante monografia su Esperienza giuridica e senso comune. Sul fondamento ontologico del diritto (Casa Editrice Leonardo da Vinci, Roma 2009; nuova edizione aumentata, Casa Editrice Leonardo da Vinci, Roma 2013, Euro 20,00), ha contribuito nuovamente allo studio dei fondamenti aletici del pensiero con il saggio su Il fondamento del giudizio. Una proposta teoretica a partire dalla filosofia del senso comune di Antonio Livi (Casa Editrice Leonardo da Vinci, Roma 2011, Euro 20,00), il quale costituisce il primo studio critico sul pensiero di Antonio Livi, quale risulta dalla pubblicazione della sua opera principale, Filosofia del senso comune. Logica della scienza e della fede, in una nuova edizione completamente rielaborata.

 

________________________________________________

ALESSANDRO BEGHINI


Alessandro Beghini è laureato in Economia e docente di Discipline giuridiche ed economiche. Ha ottenuto la specializzazione in Economia e Politiche dell’Unione europea presso l’Università di Lovanio e di Padova ed ha svolto una esperienza lavorativa presso le Istituzioni comunitarie a Bruxelles. Ha frequentato i Corsi Istituzionali in Filosofia e Teologia presso la Pontificia Università Lateranense ed è specializzato in Teologia spirituale presso la Facoltà Teologica dell’Italia Meridionale di Napoli – Sez. San Luigi. Il suo principale interesse è la ricerca relativa a temi teologico-spirituali supportati e confortati da una solida base logico-epistemica grazie alla filosofia del senso comune; suo riferimento portante è la filosofia e teologia di San Tommaso d’Aquino grazie, anche, alla sintonia profonda per la ricerca della verità. Ha partecipato attivamente a seminari e convegni sulla Teologia spirituale e mistica. Al momento è impegnato nella ricerca su San Tommaso d’Aquino quale maestro spirituale e mistico.

Ha pubblicato un commento dal titolo La teologia come “scienza rigorosa” al trattato di Antonio Livi, Vera e falsa teologia (Casa Editrice Leonardo da Vinci, Roma, 2012), sulla Rivista Sensus Communis. International Yearbook for Studies on Alethic Logic (SC 19, 2014). Di recente ha pubblicato un volume dal titolo Contemplazione e conoscenza mistica. La dottrina di Tommaso d’Aquino nella Summa contra Gentiles (Casa Editrice Leonardo da Vinci, Roma, 2015) con il quale ha inteso indagare la dottrina sulla contemplazione e conoscenza mistica del Dottore Angelico in un’opera considerata principalmente una sorta di “manuale” filosofico-teologico, ricco in dottrina e povero in spiritualità, ma nel quale è possibile rinvenire una ricchezza spirituale il cui fulcro è la riflessione dell’Aquinate sulla felicità.


________________________________________________

SILVANO BORRUSO


silbor@strathmore.ac.ke

Born in Palermo 13th May 1935. Degree in Agricultural Sciences by the University of Catania, 16th November 1957, after defending a thesis on the vegetation of the Piana of Catania. Supervisor Prof. Valerio Giacomini. Assistant lecturer of Systematic Botany at the Botanical Gardens Institute of the University of Catania, 1957-59. Teacher of Advanced Level Biology at Strathmore College, Nairobi, Kenya, 1962 – 1976. Teacher of Ordinary Level History at Strathmore School (formerly College) 1977 – 1995. Teacher of Ethics and Religion at Strathmore School 1996 – 2001. Part-Time Teacher of Language at Strathmore School, 2002 – 2005. Virtual Professor of ULIA (Universidad Libre Internacional de las Américas, www.ulia.org) for the topic “Criticism of Modern Economic Systems” 2002 – 2003. Correspondent of the Press Agency Aceprensa (Madrid) 1994 – 2003.


PUBLICATIONS

_______________________________________________

GIUSEPPE BRIENZA

Giuseppe Brienza, nato a Napoli nel 1972, vive e lavora a Roma. Giornalista pubblicista, è dottore di ricerca in Scienze Politiche all’Università di Roma “La Sapienza”. Vaticanista in varie testate nazionali ed internazionali, è specializzato in “Questioni di attualità giornalistica sulla Chiesa Cattolica” al V corso organizzato dall’Associazione ISCOM, dall’Associazione Giornalisti Accreditati in Vaticano (AIGAV) e dalla Facoltà di Comunicazione della Pontificia Università della Santa Croce (2013).

Attualmente collabora con le riviste Il Timone, Studi Cattolici, Bollettino di Dottrina sociale della Chiesa, Fides Catholica ed i periodici Il Corriere del Sud e Vita Nuova. Ha pubblicato 12 libri ed una sessantina di saggi, soprattutto su tematiche sociali (famiglia e politiche familiari in Italia, Dottrina sociale della cattolica, diritti umani) e storiche (Stato e Chiesa in Italia, partiti e movimenti politici contemporanei).


 _______________________________________________

GAËTAN CANTALE

GAËTAN CANTALE

Gaëtan M.N. Cantale-Miège, Master in Fisica Matematica presso l’Università di Ginevra e Dottore (Ph.D.) in Fisica Nucleare e Corpuscolare. Sta portando a termine nel 2015 un secondo Dottorato in Business Administration (DBA) presso la Grenoble École de Management sul tema dell’applicazione della teoria delle virtù alle imprese nel campo della Corporate Social Responsibility (CSR). Esperto in strategia commerciale ed in management aziendale, ha lavorato durante 25 anni in società multi-nazionali americane high-tech come Hewlett-Packard, Tyco e 3COM in diversi continenti, ultimamente in quanto VP e Direttore per l’Europa, il Medio-Oriente e l’Africa. Ha insegnato in quanto Industrial Professor presso la Jönköping International Business School in Isvezia. Attualmente è direttore del think-tank Institute for Fair Business Ethics (IFBE) a Ginevra ed è Adjunct Professor presso il campus ginevrino della Webster University dove insegna Business Ethics, Leadership e Management. È un Fellow dell’International Entrepreneurship Academy (Intentac). Ha 56 anni, è felicemente sposato da 34 anni, padre di 8 figli e figlie e nonno di 4 nipotini.

_______________________________________________

GIOVANNI COVINO

Board of Research Area Director of ISCA

(History of Modern Philosophy)

Giovanni Covino (Benevento 1985) è laureato in filosofia presso l’Università Federico II di Napoli con una tesi sulla gnoseologia di Jacques Maritain, con particolare riferimento al problema del realismo e della filosofia cristiana (laurea triennale). Sotto la direzione del prof. Marco Ivaldo ha conseguito, con il massimo dei voti, la laurea magistrale con una tesi sulla nozione di senso comune nell’opera di Maritain. Ha pubblicato un commento al trattato di Antonio Livi su Vera e falsa teologia (2012) per la Rivista Rosminiana, diretta da Pier Paolo Ottonello, e un saggio (Per una filosofia come “scienza rigorosa”. La proposta teoretica di Antonio Livi e la fenomenologia) nel volume collettaneo Realismo e fenomenologia, a cura di Mario Mesolella (Roma 2012). Ha inoltre curato due volumi collettanei: La nozione di “senso comune” nella filosofia del Novecento (Leonardo da Vinci 2012) e La verità in teologia. Filosofi e teologi discutono il trattato di Antono Livi, “Vera e falsa teologia” (con Marco Bracchi, Leonardo da Vinci 2014). Ha pubblicato uno studio sulla dialettica tra senso comune e filosofia nel pensiero antico, con particolare attenzione alla metafisica platonica, pubblicato nel volume Platone nel pensiero moderno e contemporaneo, a cura di Andrea Muni (Limina Mentis 2014). Ha pubblicato, infine, l’articolo Giuseppe Capograssi: esperienza comune e metafisica sulla rivista napoletana Logos – Rivista di filosofia (https://www.diogeneedizioni.it/home-catalogo/periodici/indice-logos-12-2017/). È socio dell’ISCA dal 2011 e membro dell’Unione Apostolica “Fides et ratio” fondata dal prof. Antonio Livi.

________________________________________________

MARCO DAMONTE

marco_damonte

Marco Damonte ha conseguito il titolo di Bacelliere in Teologia presso la Facoltà di Teologia dell’Italia Settentrionale (2002) e il dottorato di Filosofia presso l’Università degli Studi di Genova (2008). Attualmente svolge attività di ricerca presso la cattedra di Storia della Filosofia dell’Università degli Studi di Genova. Ha al suo attivo tre monografie e una cinquantina di articoli pubblicati in riviste o collettanee che riguardano il pensiero contemporaneo. I suoi ambiti di ricerca sono principalmente l’epistemologia, con un’attenzione particolare al problema dell’intenzionalità (Wittgenstein, Tommaso e la cura dell’intenzionalità, MEF, Firenze 2009; From Justification to Warrant, towards Virtue Epistemology, «Epistemologia», 34 (2011), pp. 5-28) e la filosofia analitica della religione di cui ha indagato gli aspetti epistemologici (Una nuova teologia naturale. La proposta degli epistemologi riformati e dei tomisti wittgensteiniani, Carocci, Roma 2011). Si è occupato del ruolo pubblico della religione (M. Damonte, Confrontation Between Civilization, Religions and Professions of Faith, «Études Maritainiennes / Maritain Studies», 25 (2009), pp. 46-57) e di filosofia della preghiera (Homo orans. Antropologia della preghiera, Fondazione Centro Studi Campostrini, Verona 2014). I risultati delle sue ricerche sono stati oggetto di discussione in diversi convegni internazionali, soprattutto in ambito europeo grazie ai convegni biennali della European Society for Philosophy of Religion. Recentemente ha proposto un nuovo approccio alla teologia naturale (Towards a New Natural Theology: Between Reformed Epistemology and Wittgensteinian Thomism, in S.T. Kołodziejczyk, J. Salamon (eds.), Knowledge, Action, Pluralism, Peter Lang, Frankfurt am Main 2013, pp. 113-134) per il quale si è reso necessario lo studio delle fonti medievali della filosofia analitica della religione.

http://www.dafist.unige.it/?dipendente=c1402

________________________________________________

PIETRO DE MARCO

Docente di Sociologia nell’Università di Firenze. Già allievo di Eugenio Garin, si è specializzato in studi riguardanti la cultura umanistico-rinascimentale e otto-novecentesca. Redattore dell’Enciclopedia delle religioni (edita da Vallecchi a Firenze) dal 1969 al 1974. Nel 2013 ha pubblicato, assieme a Andrea Grillo, il volume “Ecclesia universa” o introversa? (San Paolo, Cinisello Balsamo). È responsabile dell’area di ricerca di Sociologia dell’ISCA.

________________________________________________

RICCARDO GANGICHIODO

Diplomato in Pianoforte nel 1987 col massimo dei voti, è stato docente di Pianoforte Complementare al Conservatorio “A. Scontrino” di Trapani e nella Scuola Media Statale. Attualmente è Docente di Pianoforte presso il Liceo Musicale di Palermo. Svolge lavoro di ricerca sui rapporti tra fede e ragione studiando il pensiero di Woytjla, Ratzinger, Tyn, Livi. Si è laureato col massimo dei voti in Scienze Religiose presso l’Università Pontificia della Santa Croce a Roma con una tesi su “l’ampliamento della ragione nell’atto di fede”, nella quale viene presentato l’atto di fede come compimento perfettivo delle acquisizioni del senso comune e dei contenuti perennemente validi della ragione.

________________________________________________

PAOLO GHERRI

Paolo Gherri è docente Stabile Ordinario della Cattedra di Teologia del diritto canonico presso l’Institutum Utriusque Iuris della Pontificia Università Lateranense (con insegnamento anche di “Diritto amministrativo canonico”). Dal novembre del 2009 è membro del Comitato di redazione della Rivista “Apollinaris” dell’Institutum Utriusque Iuris. In passato ha svolto vari incarichi: nel 2001 è stato Docente incaricato di Diritto canonico presso lo “Studio Teologico Interdiocesano di Reggio e dal 2005 al 2010, invece, Docente incaricato di “Diritto amministrativo canonico” presso la Pont. Univ. Lateranense (Roma); dal 2007 al 2010 Docente incaricato di Diritto canonico presso l’Istituto sup. Scienze Religiose “Mons. L. Tondelli” di Reggio Emilia e nello stesso tempo dal 2007 al 2010 ha svolto l’incarico di Difensore del Vincolo presso il Tribunale Diocesano di Reggio Emilia-Guastalla.


________________________________________________

PAUL HORRIGAN

Chicago, Illinois, Unites States of America

Paul Horrigan’s Published Philosophy Books

1. God’s Existence and Other Philosophical Essays, iUniverse, Lincoln, NE, 2007. 172 pages. ISBN NUMBER: 978-0-595-42364-4

2. Epistemology: An Introduction to the Philosophy of Knowledge, iUniverse, Lincoln, NE, 2007. 182 pages. ISBN NUMBER: 978-0-595-47217-8

3. Transcendental Beauty and Other Philosophical Essays, Central Books, Quezon City, 2010. 231 pages. ISBN NUMBER: 978-971-011-197-8

________________________________________________

IVO KERŽE

Board of Research Area Director of ISCA

(Metaphysics)

Ivo Kerže è nato a Trieste nel 1976. Essendo di nazionalità slovena intraprese gli studi alla Facoltà di Filosofia dell’Università di Lubiana dove ha conseguito la laurea (2000), il magistero (2001) ed il dottorato (2007) in filosofia concentrandosi sopratutto sul pensiero tomista, ma anche sul terreno di confine tra tomismo e pensiero ermeneutico contemporaneo. Dal 1997 è collaboratore di Tretji dan che è una delle principali riviste dedicate al pensiero cattolico in Slovenia. Nel 2008 fu pubblicata presso la collana Claritas la sua prima opera monografica dal titolo Začetek slovenske filozofije (L’inizio della filosofia slovena). Attualmente insegna filosofia alle scuole superiori a Maribor. È socio dell’ISCA dal 12013 e ha pubblicato degli articoli in Sensus communis – An International Yearbook for Studies on Alethic Logic.

________________________________________________

ANTONIO LIVI

President of ISCA

For a Bio-bibliographical Profile see

www.antoniolivi.com.

The subjects and the goals of his philosophical research

The main subject of his research is the alethic logic, or the search for discovering the truth-value of knowledge in its different levels or meanings: ordinary knowledge, scientific inquiry, and religious belief (especially Christian faith).

This subject was formerly developed studying the relationship between Christian faith and philosophy, with an analysis and a critique of the opinions maintained around the year 1931 in France by rationalist scholars (as Émile Bréhier and Léon Brunschvicg) against Catholic philosophers (as Étienne Gilson, Jacques Maritain, and Maurice Blondel), in the well known discussion about “Christian philosophy”. The opinion of other Catholic philosophers, who were in disagreement with Maritain and Gilson for their alleged “fideism”, was also discussed. The conclusions of this research was an idea of philosophy which is just what Aquinas had and performed in his own times and with his own language, that is an intellectual work which is as far from rationalism as from skepticism, since it has the consciousness both of its possibilities and of its limits. According to this notion of philosophy as an “open system”, the positive influence of Christian revelation on the development of a truly philosophical research is not only a reasonable abstract possibility, but also a matter of fact as a result of historical inquiry on philosophy, as it has been developed from the second century of the Christian age up to the twentieth century.

After reaching these conclusions, his main research was about the foundation of truth according to contemporary logic and philosophy of language. In this field he discovered the great relevance of the notion of “common sense”, originally created by modern philosophers as Claude Buffier, Thomas Reid, and Giambattista Vico, and after them developed by Friedrich Jacobi, Jaime Balmes, John Henry Newman, Charles Sanders Peirce, and Réginald Garrigou-Lagrange. Between contemporary philosophers, the epistemological value of common sense was re-discovered by some others philosophers as Hannah Arendt and Hans-Georg Gadamer in Germany, Mortimer Adler and Donald Davidson in the United States of America, Jacques Maritain and Etienne Gilson in France, and Enrico Castelli and Luigi Pareyson in Italy. Upon the basis of their studies, Antonio Livi attempted to build up a complete theory of common sense, including a demonstration of its real presence in the background of all human knowledge, and also a demonstration of its performative action in the life of mind when concerned with truth.

This theory is a useful logical means in order to show the primacy of experience upon science, and also the absolute need of rational human premises for understanding and accepting God’s revelation, according to John Paul II’s Encyclical, Fides et ratio (1998).

________________________________________________

FLAVIA MARCACCI

Flavia Marcacci (Marsciano – Pg, 1976) si è laureata in Filosofia presso l’Università degli Studi di Perugia (2001) ed ha conseguito il dottorato in Filosofia presso la Pontificia Università Lateranense (2005). Svolge attività didattica presso la Facoltà di Filosofia della Pontificia Università Lateranense per i corsi afferenti l’area della Storia del Pensiero Scientifico. Ha ricoperto e ricopre incarichi di didattica e ricerca presso l’Università degli Studi di Perugia, l’Università degli Studi di Urbino e l’Istituto Teologico di Assisi. Presso queste sedi si è anche occupata di informatica per studi umanistici e didattica della filosofia, oltre che di filosofia e storia della scienza. Quest’ultimo è l’ambito di ricerca nel quale è principalmente impegnata: si è in particolare dedicata alla storia della scienza antica e dell’età moderna, concentrandosi su aspetti inerenti le discipline matematiche e astronomiche. Collabora con il Progetto Stoq presso l’Università Lateranense e presso l’Università di Perugia. E’ attualmente impegnata in un progetto di ricerca sulle Scienze della complessità nel profilo epistemologico e storico.

________________________________________________

JOSÉ MESEGUER

Board of Research Area Director of ISCA

(Informatics & Artificial Intelligence)

An essay by him has been published in Sensus communis – International Yearbokk for alethic Logic (2013) with the title:

Lógica, representación del conocimiento y verificación formal.

________________________________________________

FIORENZO MIGNINI

Prof_Fiorenzo_Mignini

Docente presso l’Università di Camerino e Direttore dell’Osservatorio Medico “Ottaviano Paleani”.

Venerdì 30 settembre 2016 presso la Sala Paolo VI di Vicolo degli Stemmi, a Loreto, ha presentato la Lectio Magistralis del Prof. Antonio Livi sui temi della bioetica.

clicca qui per vedere il video

________________________________________________

FRANCESCA PANNUTI

Ha conseguito la laurea in Storia e Filosofia presso l’Università di Bologna, nel 1987. Dopo la laurea, ha partecipato al corso seminariale su Il problema dell’essere e la nuova razionalità, svoltosi presso la sede del Centro Studi e Ricerche dell’Istituto “Jacques Maritain” (Praglia, 25―29 maggio 1987). Ho tenuto un seminario presso la Cattedra di Ermeneutica filosofica del prof. Maurizio Malaguti, che aveva come tema testi inediti di Pantaleo Carabellese. Si è occupata successivamente per circa 6 anni della traduzione in italiano del Commentario alle Sentenze di Pietro Lombardo di san Bonaventura presso la casa editrice Città Nuova. Ha presentato una comunicazione al XXI Congrès de l’Association des sociétés de Philosophie de langue française, tenutosi ad Atene nel 1986, dal titolo Les degrés de la temporalité, in Actes du XXI Congrès de l’Association des sociétés de Philosophie del langue française, 1987, pp. 311―314, e un’altra al XXII Congrés de l’Association des sociétés de Philosophie del langue française, tenutosi a Digione nel 1988, dal titolo La problematique philosophique et scientifique de l’espace et du temps chez Zénon d’Elée, in Actes du XXII Congrès de l’Association des sociétés de Philosophie del langue française, 1991, pp. 84―88.

Ha pubblicato il volume Socrate, la morte di un laico e altri saggi, Aracne, aprile 2009, Roma.

Nel maggio 2010 è uscito il libro-intervista Intervista a mio padre. Franco Pannuti, una vita spesa per i morenti, EDB, Bologna. Sempre in maggio 2010 è apparso sulla rivista Studi cattolici, n. 591 un articolo dal titolo «Dietro la maschera, il panteismo», pp.362–365.

In giugno 2010 è stato pubblicato il volume Panteismo: minaccia o prospettiva?, If Press, Morolo. Nel novembre dello stesso anno è stato pubblicato il libro La difesa delle immagini. Tra ragione e fede, Fede & Cultura, novembre 2010 Verona.

Nel numero 605-6 di luglio/agosto 2011 della rivista Studi cattolici è apparso, a p. 528, un articolo dal titolo «Idee. Il panteismo (New Age) è anticristiano».

Nel maggio 2012 è uscito il libro-intervista Un teologo domenicano oggi. Dialogo fra Padre Giovanni Cavalcoli e Francesca Pannuti, If Press, Morolo 2012. Nel giugno dello stesso anno è stato pubblicato il libro Il pensiero amante, If Press, Morolo, 2012, con prefazione di S. E. Mons Luigi Negri, Vescovo di san Marino-Montefeltro.

Nel numero 622 del dicembre 2012 della rivista Studi cattolici, è apparso, a pag. 860, un mio articolo dal titolo «La forza della verità».

È tra i soci fondatori dell’Associazione Internazionale “Tomas Tyn”, nata nel mese di novembre 2013.

Nel dicembre 2013 pubblica un saggio, intitolato Studio teologico-spirituale, “Ogni verità deriva dallo Spirito santo”, nell’opera collettanea La verità della fede. Che cosa credere e a chi. I criteri di discernimento tra Magistero e teologia, a cura di Gianni T. Battisti, edita dalla Casa Editrice Leonardo da Vinci, con saggi anche di Antonio Livi, Giovanni Cavalcoli, Roberto de Mattei e Serafino Lanzetta.

________________________________________________

ANTONIO GIOVANNI PESCE

Antonio_Giovanni_Pesce

Antonio Giovanni Pesce (1978), ha studiato filosofia a Catania, dove si è prima abilitato all’insegnamento secondario, e poi addottorato con una tesi sull’etica dell’intersoggettività in Giovanni Gentile. Si occupa di metafisica e di antropologia filosofica. Tra i suoi lavori: L’interiorità intersoggettiva dell’attualismo (Aracne, 2012), The Integral Philosophical Experience of Actualism (‘Collingwood and British Idealism Studies’, 20, 2014). Sposato con Giusi, è docente di filosofia e storia nei licei.

________________________________________________

VITTORIO POSSENTI

Vittorio Possenti, già ordinario di Filosofia morale e politica presso l’Università di Venezia, è autore di circa 30 volumi e centinaia di saggi, tradotti in una decina di lingue. I suoi studi, indirizzati nei campi dell’ontologia, politica ed etica, si ispirano alla tradizione della filosofia dell’essere e del personalismo.

Fra i suoi scritti più significativi: La buona società. Sulla ricostruzione della filosofia politica, 1983; Filosofia e società, 1983; Le società liberali al bivio. Lineamenti di filosofia della società, 1992; Il nichilismo teoretico e la “morte della metafisica”, 1995 (Premio Internazionale Salvatore Valitutti 1996); Filosofia e Rivelazione, 2000, 2ed.; Religione e vita civile, 2002, 2a ed. (Premio Capri San Michele 2002); Essere e libertà, 2004; Nichilismo e metafisica. Terza navigazione, 2004, 2a ed.; Nichilismo giuridico. L’ultima parola? 2012; La rivoluzione biopolitica. La fatale alleanza tra materialismo e tecnica, 2013; Il Nuovo Principio Persona, 2013

II) È membro della Pontificia Accademia delle Scienze Sociali, e della Pontificia Accademia di san Tommaso d’Aquino. È stato membro del Comitato Nazionale di Bioetica per circa 15 anni.

III) Per un’esposizione del suo pensiero cfr. Autobiografia, in Storia della Filosofia. Filosofi Italiani Contemporanei, a c. di D. Antiseri e S. Tagliagambe, Bompiani, Milano 2008, pp. 446-455.

Per un elenco delle sue pubblicazioni (libri, saggi, curatele) cfr. il volume AA. VV., Metafisica, Persona, Cristianesimo. Scritti in onore di Vittorio Possenti, a c. di G. Goisis, M. Ivaldo, G. Mura, Armando, Roma 2010, pp. 553-602.

Website: www.vittoriopossenti.it

________________________________________________

ENRICO MARIA RADAELLI

BIBLIOGRAFIA.

Aggiornata al 30 marzo 2014.

Nato a Milano il 15 luglio 1944.

Docente di Filosofia dell’estetica (Il trattato Ingresso alla bellezza è stato per tre anni testo di Corso per Filosofia della conoscenza, sezione Conoscenza estetica, tenuto da Antonio Livi e dall’Autore alla Pontificia Università Lateranense).

Director of Department of Aesthetic Philosophy of International Science and Commonsense Association (Rome).

AUTORE DI:

Libri:

Il Mistero della Sinagoga bendata, Effedieffe Edizioni, Milano, 2002; Introduzione di

Antonio Livi (esaurito); IIa edizione rivisitata pro manuscripto Aurea Domus, Milano, ottobre 2010, in formato aureo, cm 14 x 25, su carta Pordenone vergata avorio delle cartiere di Cordenons (Friuli), pp. 423;

Romano Amerio. Della verità e dell’amore, Marco Editore, Lungro di Cosenza, 2005; Introduzione di Antonio Livi, Postfazione di Divo Barsotti, Interventi dei vescovi Mario Oliveri e Antonio Santucci; pp. 325;

Theomachia ultima. Metafisica delle “tre grandi religioni monoteiste”: Cristianesimo, Ebraismo e Islam; edizione pro manuscripto Aurea Domus, Milano 2005, in formato aureo di cm 14 x 25, su carta Pordenone vergata avorio delle cartiere di Cordenons (Friuli), pp. 91;

Ingresso alla Bellezza. Fondamenti a un’Estetica trinitaria, Prefazione di Elio Franzini; Fede & Cultura, Verona, 2007; IIa edizione, idem, Verona, giugno 2012, pp. 399 + VI;

Sacro al calor bianco. La Messa di san Pio V e la Messa di Paolo VI alla luce della Filosofia dell’Æsthetica trinitaria; in appendice il Breve esame critico del Novus Ordo Missæ dei cardinali Bacci e Ottaviani 2 voll., I vol., edizione pro manuscripto Aurea Domus, Milano 2008, in formato aureo di cm 14 x 25, su carta Pordenone vergata avorio delle cartiere di Cordenons (Friuli), pp. 188;

La Bellezza che ci salva. La forza di Imago, il secondo Nome dell’Unigenito di Dio, che, con Logos, può dar vita a una nuova civiltà fondata sulla Bellezza, Prefazione di Antonio Livi; edizione pro manuscripto Aurea Domus, Milano 2011, in formato aureo di cm 14 x 25, su carta Pordenone vergata avorio delle cartiere di Cordenons (Friuli), pp. 306 + XX;

Il domani – terribile o radioso? – del dogma, Prefazione di Roger Scruton, Interventi: di Brunero Gherardini, di Alessandro Gnocchi – Mario Palmaro e del vescovo Mario Oliveri; edizione pro manuscripto, in-8°, Aurea Domus, Milano 2013, in formato aureo di cm 14 x 25, su carta Pordenone vergata avorio delle cartiere di Cordenons (Friuli), pp. 262 + XXIV;

La Chiesa ribaltata. Indagine estetica sulla teologia, sulla forma e sul linguaggio del magistero di Papa Francesco, Prefazione di Antonio Livi, Editrice Gondolin, Verona 2014; in formato aureo di cm 14 x 25; pp. 313 + XXI.

CURATORE DI:

ROMANO AMERIO, Iota unum. Studio delle variazioni della Chiesa cattolica nel secolo XX, Postfazione del Curatore (“Tutta la Chiesa in uno iota”); Lindau, Torino 2009, pp. 671 + XIL;

ROMANO AMERIO, Stat Veritas. Seguito a “Iota unum”, Postfazione del Curatore (“Stat Veritas. Mendacium fugit”); Lindau, Torino 2009, pp. pp. 175 + LXV;

ROMANO AMERIO, Zibaldone, Postfazione del Curatore (“La soprannaturale armonia tra intelletto e realtà”); Lindau, Torino, giugno 2010, pp. 461 + CXX.

BREVE SELEZIONE DI ARTICOLI E CONFERENZE:

Gnoseologia e Trinità: sul metodo della filosofia cristiana in Tommaso e Bonaventura, «Aquinas», settembre 2003; «Sensus Communis», vol. 5 (gennaio-marzo 2004), n. 1.

Analogie tra Bellezza e Verità in san Tommaso, Conferenza del 6 maggio 2004, Pontificia Università Lateranense, Atti in «Aquinas», ottobre 2004.

L’architettura del bello e del vero. Come scoprire nell’edificio sacro il volto dell’Eterno, «L’Osservatore Romano», Vaticano, 4-5 febbraio 2008, p. 5.

Una tela appoggiata ai Vangeli. L’invisibile verità si fa immagine nell’opera di Caravaggio, «L’Osservatore Romano», Vaticano, 14 febbraio 2008, p. 5. Quella volta radiosa che esprime l’incontro tra terra e cielo.

Arte sacra e origini della Bellezza, «L’Osservatore Romano», Vaticano, 12 giugno 2008, p. 5 (articolo tradotto in inglese, francese, spagnolo e svedese dal sito di Sandro Magister, http://chiesa.espresso.repubblica.it/articolo/1337003?).

Splendore e mistero di un sorriso. Filosofia estetica e teologia trinitaria, «L’Osservatore Romano», Vaticano, 30 settembre 2009.

Nell’acquario delle nove Muse. Arte sacra e liturgia, «L’Osservatore Romano», Vaticano, 4 febbraio 2010.

Che brutte le chiese originali per forza. L’arte e il senso comune della bellezza (spesso ignorato), «L’Osservatore Romano», Vaticano, 12-13 luglio 2010.

Oltre il valico del consueto. Tradizione e audacia per l’arte sacra, «L’Osservatore Romano», Vaticano, 8 settembre 2010.

La via soprannaturale per riportare pace tra prima e dopo il Vaticano II, in Italia su «Fides Catholica», Frigento (AV), dicembre 2011; in Francia su «Catholica», Saint Cyr sur Loire, dicembre 2011; nei Paesi di lingua tedesca su «Theologisches», gennaio-febbraio 2012.

________________________________________________

REMO REALDON

Working in Accountancy and Philosophical Reaserch at Este, near Padua (Italy)

Presidente della Fondazione “Radicanti e Ruzantini” (Este – Padova).

Remo Realdon dottore commercialista in Padova dal 1968; ora pensionato. Ha svolto anche attività politica. L’attività professionale e quella politica sono sempre state affiancate da studi filosofici. A testimonianza di questa esperienza e ricerca vi sono anche le pubblicazioni Verso gli anni settanta, Verso gli anni ottanta, la rivista “Le radici” (http://leradici.info) e la monografia Ruzante e dintorni (http://leradici.info/ruzante1).
Dal 2012 è Presidente della Fondazione “Radicanti e Ruzantini” (www.fondazioneradicantieruzantini.it): ha curato il convegno “La vita e l’essere. L’embrione: grumo di cellule o persona?”, promosso dalla Fondazione, e gli atti che sono stati raccolti in una pubblicazione del 2013, edito da Marcianum Press, con saggi di Enrico Berti, Vittorio Possenti e altri.
Ha curato il convegno e  la pubblicazione del testo “Al cuore della vita. La dignità” edito nel 2015 da Marietti. Sottotitolo: “Origini, percorsi e spazi per un nuovo umanesimo” con saggi di Enrico Berti, Vittorio Possenti, Renzo Pegoraro, Giuseppe Anzani, Leopoldo Sandonà e Paola Ricci Sindoni.

________________________________________________

FABRIZIO RENZI

Segretary-General of ISCA

Editor of www.isca-news.org (official web site of ISCA)

Fabrizio Renzi (San Giovanni Valdarno 1972) ha conseguito la Laurea Specialistica in «Studi Filosofici» presso l’Università degli Studi di Siena con una tesi in «Storia della Filosofia Medievale» su Tommaso d’Aquino, intitolata La conoscenza dell’ente e della verità, tesi il cui scopo è stato quello di tracciare un possibile percorso di analisi di alcuni aspetti della riflessione tomista sulle condizioni di possibilità della conoscenza, sulla struttura dell’ente e sulla verità. Ha conseguito il titolo di Dottore di ricerca in «Scienze del Testo. Edizione, analisi, lettura, comunicazione. Sezione Scienze filosofiche» sempre presso l’Università degli Studi di Siena, discutendo una tesi avente per oggetto l’istituzione di un confronto tra Tommaso d’Aquino e l’Avicenna Latinus in merito alle loro dottrine dell’unità e della molteplicità. Ha ottenuto il titolo di «Master Scientifico Culturale in Filosofia» istituito dalla Scuola di dottorato presso cui è stato iscritto, discutendo una tesi sulla Seconda Disputazione Metafisica di Francisco Suárez (De ratione essentiali seu conceptu entis), intitolata L’unità dell’ente e l’intimità della sua trascendenza (la tesi, debitamente ridotta, è apparsa nella rivista Aquinas).

Studioso di logica e di metafisica, ha pubblicato numerosi saggi critici in Sensus Communis. International Yearbook for Studies on Alethic Logic.

Nel 2012 ha pubblicato un saggio di logica e di epistemologia intitolato La logica aletica e la sua funzione critica. Analisi della nuova proposta teoretica di Antonio Livi (Casa Editrice Leonardo da Vinci, Roma), opera con la quale offre un’analisi accurata della logica aletica, intervenendo nel dibattito avviato da Francesco Arzillo con il Fondamento del giudizio. Una proposta teoretica a partire dalla filosofia del senso comune di Antonio Livi (Casa Editrice Leonardo da Vinci, Roma).

Nel 2014 ha pubblicato un saggio storico-teoretico intitolato La conoscenza metafisica: tra molteplicità e unità. Tommaso d’Aquino a confronto con Avicenna (Casa Editrice Leonardo da Vinci, Roma). Si tratta di un’opera con la quale mette a confronto l’Aquinate e l’Avicenna Latinus, evitando di adottare schemi definibili in termini univoci.

________________________________________________

ROBERTO ROSSI

Roberto Rossi (Rome, July 30, 1950) is an Italian lecturer, essayist and philosopher. He attended high school at the Santa Maria Institute: among his teachers were Ferdinando Taviani, Marco Maria Olivetti and Bruno Mantura.

Education

He graduated with honors in Philosophy from University of Rome in 1974, with a thesis on Overbeck, Burckhardt and Nietzsche, with professors Pietro Prini, Leo Lugarini, Marco Maria Olivetti and Valerio Verra. The same thesis was published in two volumes both funded by CNR (National Research Council). He also obtained a Postgraduate Diploma in Philosophical Research at La Sapienza University of Rome. He attended for four years the Pontifical Gregorian University. From 1975 to 2007 he had been teaching at the Liceo Classico “Tito Lucrezio Caro” as IRC.

Career

In 1986 he was called to teach History of Religions at the Institute “Caymari”, connected to the Pontifical Lateran University. In 1991 he began his teaching activity, still ongoing at the Higher Institute of Religious Sciences “Mater Ecclesia” of the Pontifical Lateran University. Since 2007 he is a professor at the Higher Institute of Religious Sciences “Fides et Ratio” of L’Aquila, teaching subjects as Philosophy of Religion, The Problem of God in the philosophy of ’900, Problems and issues of contemporary philosophy, Introduction to philosophy, The ideologies of the twentieth century. From 1997 to 2001, he had been teaching Fundamental theology and Dogmatic theology at LUMSA (Libera Università Maria SS. Assunta). He is currently a member of the Scientific Committee of the Rivista Rosminiana and a founding member of the International Society for the Unity of Science “L’Arcipelago”. He was also a member of the scientific organization of the International Congress of Naples, for the bicentenary of the death of Antonio Rosmini, held at the Institute of Philosophy of Naples, from 22th to 25th of October 1997. He was a frequent contributor for the journal Filosofia Oggi, for which he wrote reviews and essays. He was a member of the Scientific Committee of “El uno y lo multiple – Rivista Internacional de Filosofia”. On 1980 he worked for RadioVaticana and from 1981 to 1985 he cooperated with RAI TRE for the presentation of philosophy books and magazines. He collaborated with Professor George Penzo for the volume Nietzsche. Atlante della sua vita e del suo pensiero editing the items on “J. Burckhardt” and “F. C. Overbeck”. The book was published by Rusconi in 1999.

He is author of about fifty lectures, essays and reports. His books are popular on the main circuit of bookstore and they can be purchased on internet (Unilibro.it; laFeltrinelli.it; IBS.it; BOL.it; libreriauniversitaria.it; Hoepli.it; LibreriadelSanto.it; culturaebeni.it; Rizzoli.it Library; dvd.it; Webster.it). As a follower of the Platonic-Augustinian-Rosminian tradition, faithful to the teachings of Michele Federico Sciacca, to which he became familiar through the mediation of Sciacca’s disciples (such as prof. Maria Adelaide Raschini, Pier Paolo Ottonello, Tomaso Bugossi, Carlo Lupi) at the University of Genoa, Rossi revisits some of the problematic nodes in the history of Western philosophy, anchoring metaphysically every historical research considered as a response and not as a cause or origin of ideas or values.

Over the past ten years, he has carried on a regular exchange of views with Corrado Giannantoni, a nuclear ingeneer, especially about the latter’s new mathematical method, writing a short foreword to Giannantoni’s The Maximum Em-Power Principle as the basis for Thermodynamics of Quality, University of Florida, Gainesville 2002, pp.. XIV-XV. This professional relationship arises from a pre-existing friendship and the collaboration is aimed at the joint proposal of a “compossibile” and different understanding of science and its methodology.

WORKS

 

________________________________________________

FLAVIA SILLI

Flavia Silli si è laureata in filosofia all’Università di Roma “La Sapienza” con una tesi su La Genesi del personalismo in Luigi Stefanini (primo premio al concorso internazionale “Fondazione Luigi Stefanini Treviso” 2002). Nel 2004 ha conseguito il dottorato alla Pontificia Università Lateranense con una tesi su Stefanini interprete di Blondel. Attualmente docente alla Pontificia Università Lateranense di introduzione alla storia della filosofia, esperta di spiritualismo francese e di personalismo italiano (su entrambi gli argomenti ho tenuto dal 2009 a oggi corsi e seminari).

 PUBLICATIONS

 

________________________________________________

DANIELA SILVESTRI

Board of Research Area Director of ISCA

(Teaching Philosophy)

Docente, dottore di ricerca in filosofia, esperto nel settore scolastico e didattico, saggista, giornalista. Tra le sue principali opere: Professione Donna (Roma 1996); Bambini e Maestri nel Villaggio Globale (Roma 1999); Essere Genitori nel III Millennio (Roma 2000); Senso comune e didattica della filosofia (Roma 2011). Dirige il dipartimento di Didattica della Filosofia dell’ISCA (International Sensus Communis Association).

________________________________________________

WILLIAM J. SLATTERY

WILLIAM SLATTERY

FrWSlattery@outlook.fr


________________________________________________

BERNARDO SPAGNOLO

National Scientific Habilitation to Full Professor in

Theoretical Physics, Condensed Matter

and Applied Physics

Dipartimento di Fisica e Chimica

and Group of Interdisciplinary Theoretical Physics,

Viale delle Scienze, Ed. 18, Università di Palermo,

I-90128, Italy,tel: +39 091 23899059 fax:+39 09123860816 cell: +39 349 7227608

E-mail: bernardo.spagnolo@unipa.it

http://www.unipa.it/bernardo.spagnolo

CURRICULUM VITAE

 

________________________________________________

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *